Giulia Mazzoni

"Pensando al mio futuro mi sono chiesta:
cosa voglio fare nella vita?
La risposta è stata una: scrivere.
Ma da dove si comincia?
M'hanno detto di fare un blog!"

Recensione – “Gli annientatori” di Gianluca Morozzi

IMG-9469

“Per un attimo mi ero sentito il protagonista di un assurdo reality show.

Non era reale, quella famiglia. Non era reale, quel condominio. Cosa cazzo mi stava proponendo, quella povera pazza?”

 

 

Ho divorato questo romanzo in un pomeriggio, ma mai, e dico mai, avrei immaginato che la mente di Morozzi potesse spingersi così oltre.

O forse, in fondo, lo temevo.

Ma iniziamo da capo.

“Gli annientatori”, il nuovo thriller dell’autore bolognese disponibile da oggi in tutte le librerie, ha come protagonista Giulio Maspero, scrittore e insegnante di scrittura creativa con un debole incontrollato per le donne.

Giulio, infatti, non ha saputo resistere al fascino di una sua corsista, Veronica Monaco, arrivando inevitabilmente a tradire la fidanzata e convivente Francesca che lo scopre, dando vita così ad un effetto domino inquietante.

In men che non si dica, il nostro scrittore è costretto a trovare un nuovo alloggio, un luogo in cui finalmente potrà mettere nero su bianco quel romanzo che da tempo gli frulla in testa.

È per questo che, quando il suo conoscente e fumettista Mauro Britos, in partenza per l’Uruguay, gli offre di trasferirsi a casa sua per il periodo della vacanza, accetta immediatamente. L’unica cosa che Giulio deve fare per sdebitarsi è annaffiare le piante, perché i vicini di Mauro sono troppo invadenti e lui non vuole farli entrare in casa sua.

Ma quando si trasferisce nell’appartamento di Britos, si accorge di due cose: primo, il fumettista non ha quasi nessuna pianta; secondo, i vicini non solo sono davvero invadenti, ma sono anche tutti parenti.

Il suo sgomento iniziale viene placato in un primo momento dalla conoscenza della bella Rachele, l’unica dei Malavolta che suscita il suo interesse. Giulio però, piano piano, si accorge che tutti i membri di quella famiglia sono un po’ strani, idea che gli viene confermata anche da alcune voci di paese.

L’incontro casuale con una sua vecchia conoscenza, lo porterà poi a scoprire quale terribile evento si nasconde nella storia dei Malavolta e tra le mura del loro palazzo.

Ma chi si cela davvero dietro quella famiglia all’apparenza così disponibile?

Giulio lo scoprirà solo alla fine, quella fine imprevedibile e crudele che solo la mente di Morozzi poteva dipingere.

L’autore, come sempre, mostra uno stile di scrittura eccelso, riuscendo a seminare nel corso della storia i pezzi di un criptico puzzle che il lettore potrà mettere insieme solo al momento giusto.

Una storia da leggere senza staccare gli occhi dalle pagine, in un susseguirsi di colpi di scena inaspettati.

Consigliatissimo!


Questo libro mi è stato inviato dalla casa editrice TEA che ringrazio.

Gianluca Morozzi vive a Bologna. Dopo gli esordi con la piccola casa editrice ravennate Fernandel, ha raggiunto il grande pubblico grazie al romanzo Blackout, un thriller interamente ambientato all’interno di un ascensore.Oltre ai romanzi già pubblicati, ha all’attivo numerosi racconti, inseriti in diverse antologie. Nella sua produzione sono frequenti i riferimenti alle esperienze personali, in particolare quelle inerenti la fede calcistica per il Bologna FC e – soprattutto – la musica. È il chitarrista degli Street Legal, una tribute band che omaggia Bob Dylan. Ha suonato nel cd “Deviazioni”, tributo a Vasco Rossi pubblicato in allegato al Mucchio Extra, realizzando con Andrea Parodi il brano “Brava”. Ha pubblicato i romanzi Dieci cose che ho fatto ma che non posso credere di aver fatto, però le ho fatte, Accecati dalla luce e la raccolta di racconti Luglio, agosto, settembre nero, tutti usciti da Fernandel.
Per Guanda invece: Blackout, L’era del porco, L’Emilia, o la dura legge della musica (un saggio), Despero e la graphic novel Il vangelo del coyote, oltre al romanzo Colui che gli dei vogliono distruggere.
Un suo racconto compare anche nella raccolta Semi di fico d’India edita da Nuova Dimensione.
Nel 2011 esce, pubblicato da Guanda, il romanzo Chi non muore.


Recensione - "Il vam

"La vita della carne è nel sangue. Nessuno di voi ...

Segnalazione - "Perf

Titolo: Perfetta ma non per lui Autore: Gina Laddaga Editore: self-publishing Genere: contemporary romance Prezzo: ...

Recensione - "L'uomo

"Ogni paura si può evitare e da ogni paura si ...

Recensione "La trecc

"Amo queste ore solitarie, in cui le mie mani danzano. È ...

Recensione - "Io son

"Colpevolizzare la vittima è un modo per nascondersi e autoilludersi. ...

Recensione - "Fidanz

"Attraversare gli specchi significa affrontare se stessi - aveva detto ...

Recensione - "I figl

"Si guardò intorno. All'improvviso tutto taceva, anche il fiume. Era ...

Recensione "Quando f

"Dedicarsi alla Bottega, tra violini che prendevano forma davanti ai ...

Recensione - "Petrad

"Fu in quel momento che una voce dentro la testa ...

"Tempo di Libri": te

"Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di ...

Recensione - "Il vam

"La vita della carne è nel sangue. Nessuno di voi ...

Segnalazione - "Perf

Titolo: Perfetta ma non per lui Autore: Gina Laddaga Editore: self-publishing Genere: contemporary romance Prezzo: ...

Recensione - "L'uomo

"Ogni paura si può evitare e da ogni paura si ...

Recensione "La trecc

"Amo queste ore solitarie, in cui le mie mani danzano. È ...

Recensione - "Io son

"Colpevolizzare la vittima è un modo per nascondersi e autoilludersi. ...

Recensione - "Fidanz

"Attraversare gli specchi significa affrontare se stessi - aveva detto ...

Recensione - "I figl

"Si guardò intorno. All'improvviso tutto taceva, anche il fiume. Era ...

Recensione "Quando f

"Dedicarsi alla Bottega, tra violini che prendevano forma davanti ai ...

Recensione - "Petrad

"Fu in quel momento che una voce dentro la testa ...

"Tempo di Libri": te

"Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di ...