Occhio al Segno!

Chiunque mi conosca sa che sono un tantino fissata con i segni zodiacali.

Proprio il giusto.
Diciamo che nel mio mondo ideale, ognuno, al momento delle presentazioni, dovrebbe dire nome, cognome segno e ascendente. Il che darebbe modo di chiarire molte cose fin da subito, credetemi.
Esempio: “Piacere, Giulia Mazzoni, Acquario ascendente Toro”.
Così capisci subito che ho la testa dura, una spiccata propensione all’incoerenza (della serie: “non guarderò MAI programmi di cucina”, ed ecco che mi incanto a guardare Benedetta Parodi su La7) e che sono allergica alla gente possessiva (quella categoria di simpaticoni che vorrebbe comandarti a bacchetta e decidere della tua vita. Ma de che?).


Non è una questione di oroscopi, anzi.
Credo che l’oroscopo, nella maggior parte dei casi, sia un groviglio di ipotesi molto vaghe messe insieme per fare in modo che combacino PIU’ O MENO con la vita di tutti quelli nati a gennaio, febbraio, marzo, aprile, e via dicendo.


L’unico che salvo, tra tutti gli astrologi, è Paolo Fox.
Ai tempi dei tempi leggevo il suo oroscopo su Cioè e, insieme ad una delle mie più care amiche, restavamo sorprese ogni volta dalle coincidenze che saltavano fuori con quello che davvero ci stava succedendo in quel momento.
Ancora oggi, a dire il vero, non nego di guardare con piacere le previsioni di Fox ogni volta che inizia l’anno nuovo. Non che ci creda particolarmente tanto (ho sentito di persone che prendono decisioni in base all’oroscopo quotidiano, apriti cielo!) però, non so per quale strano motivo, lui ci azzecca spesso, almeno su di me.
E poi, da un certo punto di vista, l’astrologia può anche essere affascinante.
E’ intrigante pensare che le stelle, in qualche modo, c’entrino qualcosa con i nostri destini. E pensare che le nostre sfumature caratteriali dipendono dagli astri è una vera e propria figata.
Quando, per puro caso, mi sono resa conto che le persone con cui andavo più d’accordo erano Toro, Bilancia o Capricorno, e che quelle con cui non c’era molta affinità erano tutte Cancro, Gemelli o Pesci, ho iniziato ad incuriosirmi.
E mi sono incuriosita ancora di più quando ho incontrato gente, ad esempio, del Cancro con cui andavo d’accordo. E poi, magicamente, scoprivo che avevano l’ascendente in Bilancia.
Ho iniziato a trovare una logica di fondo a questo mondo così astratto e bizzarro, e da lì non ne sono più uscita.
Non credo nei ciarlatani che vivono di frasi fatte, ma ho fiducia nei dettagli. E l’ascendente è un tratto specifico della nostra personalità, che lo si voglia o no.
Mi piace pensare che ognuno di noi abbia un suo perché dettato dalle stelle, una sorta di legge primordiale del cosmo che guida ogni cosa. Perché, in fondo, niente è per caso.
E poi, come scriveva Manilio, “le stelle nel variare la loro disposizione, mutano i destini“.




—–> Per i più curiosi, il libro di oggi è “L’oroscopo 2012” di Paolo Fox

4 commenti

  • noo gli oroscopi !! Io non ci credo ad istinto; ma in linea di principio niente può escludere che questa sia una verità come le altre ! In fondo, anche le verità scientifiche vengono smentite nel corso dgli anni ed hanno i loro limiti, quindi perché avere dei pregiudizi in questa forma di conoscenza che è l'astrologia ? : )
    Fox però nooo eheh !!

  • hahahahaha, guarda, è l'unico che c'ha sempre azzeccato su di me (ma questa può essere una coincidenza, non lo escludo!) in ogni caso, come ho scritto, nemmeno io mi fido molto degli oroscopi, però mi piace curiosare sui segni zodiacali che, in un modo o in un altro, dicono qualcosa di ognuno di noi! 🙂 a presto!

  • Io sono una di quelle "non è vero, ma ci credo"..e difficilmente manco al mio appuntamento del mattino con Fox in radio!!!
    Complimenti per il blog!
    Laura@RicevereconStile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.