Giulia Mazzoni

"Pensando al mio futuro mi sono chiesta:
cosa voglio fare nella vita?
La risposta è stata una: scrivere.
Ma da dove si comincia?
M'hanno detto di fare un blog!"

“Fai bei sogni” – Massimo Gramellini

“Ancora una volta mi ero illuso che la vita fosse una storia a lieto fine,
mentre era soltanto un palloncino gonfiato dai miei sogni
e destinato a esplodermi sempre fra le mani” (p. 145)

Questo libro mi ha incuriosita fin da subito. Avevo letto la trama su internet e, una volta entrata in libreria, non sono riuscita a non comprarlo. Uno di quei libri che “devi” prendere, anche se non c’è un perché.


La storia che Gramellini ci racconta è pesante e colma di agonia e, ciò che spiazza, è che è la SUA storia. E’ per questo motivo che, prima di fare qualsiasi commento, devo dire che ho un rispetto immenso per uno scritto come questo.
So per esperienza che non è facile mettere nero su bianco i momenti bui della propria vita. In genere si finisce per rimanerne svuotati in senso negativo. O per far nascere, anche volontariamente, mille sensi di colpa verso chissà chi.
Le storie autobiografiche meritano sempre un briciolo di comprensione; con queste non si può essere spietati. E questo semplicemente perché dentro ci sono lembi di vita vera. Di sofferenza vera.


Il romanzo, nel complesso, scorre, aiutato da una struttura lineare in capitoli brevi. La storia inizia con una tragedia che, purtroppo, accompagnerà il protagonista per tutta la sua vita. Proprio nelle prime pagine si crea una suspance che però si dissolve nel corso del libro, facendo perdere interesse al lettore.
Il tema è delicato e assolutamente indigesto per il protagonista: la morte di sua madre, un vuoto che non riuscirà più a colmare. L’autore ci accompagna per mano nelle sue riflessioni di vita, per farci capire le difficoltà di una vita fatta di fantasmi. E ci riesce.
L’intero libro è colmo di frasi brillanti e intelligenti che più volte mi hanno strappato un sorriso.
L’ironia e l’autoriflessione dominano il romanzo.


“Fai bei sogni” è un’esperienza di dolori e pensieri che l’autore ci ha voluto raccontare, un percorso difficile alla ricerca di un’identità. Uno scritto che, per un motivo o per l’altro, fa riflettere tutti. E ci fa sentire meno soli.


Il voto questa volta stona, e quindi non lo darò.
In fondo, valutare in cifre una vita sarebbe un’eresia.





13 Risposte

  1. Gran bel libro! Per quanto mi riguarda, però, la suspance non si è dissolta dopo le prime pagine: ho iniziato a leggerlo prima di andare a dormire e ho continuato tutta la notte perché ero troppo curiosa di sapere cosa fosse successo alla madre!

  2. Frufru Elisa scrive:

    Questo libro mi incuriosisce molto!

  3. I really love this post.

    Can u follow my blog? http://www.saltosdecristal.com/

    I will follow you back.

    Kisses,

    http://www.saltosdecristal.com/

  4. The Look Lover scrive:

    Bel post! Dev'essere un libro interessante,anche se credo mi rattristerebbe,ed in questo periodo ne faccio volentieri a meno…se ti va potremmo seguirci anche con bloglovin,ciao!Paolo

  5. Hehehe, probabilmente questa mia impressione è dovuta dal fatto che sono stata costretta a dividere la lettura in più giorni per mancanza di tempo…e per inflazione di sonno!! Maledetta tesi :)

  6. Of course! I'm a follower of your blog now :)

  7. Ti capisco, anche io vado molto a periodi…e infatti dopo questa botta di tristezza mi sono messa a leggere "Il diario di Carrie", pensa come sto messa! hahaha
    Su Bloglovin non ci vado mai però proverò a seguirti anche lì! 😉

  8. Brillante questo tuo post! Sono d'accordo con te, le storie autobiografiche meritano sempre un'analisi a parte, ben distinta dai parti della fantasia.
    Mi hai molto incuriosito, sai???

    Se passi da qui: http://mylittlecrazydiary.blogspot.it/ c'è un premio x te =)

    Baci!

  9. Ti ringrazio! Se poi lo leggi fammi sapere cosa ne pensi! Bacio!

  10. MissValerie scrive:

    se ti và passa da me.. c'è un nuovo tema a cui potresti partecipare, mi piacerebbe vederti tra noi!

  11. Ciao,mi chiamo Margherita,e anche a me piace molto leggere,ma a scrivere non mi si blocca il cervello…comunque ultimamente non riesco a trovare un libro che mi catturi, ora provo con questo…Piacere di conoscerti, ciao e a presto·

  12. Che genere di libri ti piace? Posso consigliarti qualcosa se vuoi :)
    Piacere mio di conoscerti!


Recensione - "Il vam

"La vita della carne è nel sangue. Nessuno di voi ...

Segnalazione - "Perf

Titolo: Perfetta ma non per lui Autore: Gina Laddaga Editore: self-publishing Genere: contemporary romance Prezzo: ...

Recensione - "L'uomo

"Ogni paura si può evitare e da ogni paura si ...

Recensione "La trecc

"Amo queste ore solitarie, in cui le mie mani danzano. È ...

Recensione - "Io son

"Colpevolizzare la vittima è un modo per nascondersi e autoilludersi. ...

Recensione - "Fidanz

"Attraversare gli specchi significa affrontare se stessi - aveva detto ...

Recensione - "I figl

"Si guardò intorno. All'improvviso tutto taceva, anche il fiume. Era ...

Recensione "Quando f

"Dedicarsi alla Bottega, tra violini che prendevano forma davanti ai ...

Recensione - "Petrad

"Fu in quel momento che una voce dentro la testa ...

"Tempo di Libri": te

"Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di ...

Recensione - "Il vam

"La vita della carne è nel sangue. Nessuno di voi ...

Segnalazione - "Perf

Titolo: Perfetta ma non per lui Autore: Gina Laddaga Editore: self-publishing Genere: contemporary romance Prezzo: ...

Recensione - "L'uomo

"Ogni paura si può evitare e da ogni paura si ...

Recensione "La trecc

"Amo queste ore solitarie, in cui le mie mani danzano. È ...

Recensione - "Io son

"Colpevolizzare la vittima è un modo per nascondersi e autoilludersi. ...

Recensione - "Fidanz

"Attraversare gli specchi significa affrontare se stessi - aveva detto ...

Recensione - "I figl

"Si guardò intorno. All'improvviso tutto taceva, anche il fiume. Era ...

Recensione "Quando f

"Dedicarsi alla Bottega, tra violini che prendevano forma davanti ai ...

Recensione - "Petrad

"Fu in quel momento che una voce dentro la testa ...

"Tempo di Libri": te

"Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di ...