Giulia Mazzoni

"Pensando al mio futuro mi sono chiesta:
cosa voglio fare nella vita?
La risposta è stata una: scrivere.
Ma da dove si comincia?
M'hanno detto di fare un blog!"

Recensione – “Ultima notte a Lisbona” di Giovanni Valentini

lisbona

 

“La vita comincia a finire prima che uno se l’aspetti e prima ancora che se ne accorga”

 

Immaginare una storia e stupirsi nel trovarsene davanti una completamente diversa.

Mi è successo proprio con questo romanzo, “Ultima notte a Lisbona”.

I protagonisti della storia sono Alfonso Delgado, un giornalista in pensione che ha deciso di trascorrere qualche anno in Portogallo con la moglie Marianna, e Carol, una giovane studentessa americana in vacanza col fidanzato John.

I due si incontrano per caso una sera d’Agosto e tra loro nasce inaspettatamente una passione travolgente che li porta a tradire i rispettivi compagni.

La loro tresca va avanti all’insaputa di Marianna e John, che – forse per la grande differenza d’età – non sospettano niente.

Ma un giorno, mentre le due coppie stanno facendo una gita insieme, Carol si accorge della presenza di qualcuno: un tipo losco, un fantasma del suo passato che non credeva sarebbe ricomparso proprio lì.

La ragazza si chiude improvvisamente in se stessa, con un atteggiamento criptico anche agli occhi del suo nuovo amante, a cui riuscirà solo a confessare di essere tormentata dalle colpe di cui si è macchiata tanto tempo prima.

Le cose cambieranno inesorabilmente nell’ultima notte a Lisbona, notte in cui la giovane studentessa verrà trovata morta annegata nel fiume Tago.

Tutti pensano ad un suicidio… ma sarà davvero così?

A dircelo sarà proprio Alfonso che rivestirà i panni del vecchio giornalista per indagare sull’accaduto e scoprire la verità non solo sulla morte di Carol, ma anche sui suoi misteri nascosti.

Devo dire che dalla trama mi sarei aspettata una storia diversa, priva di quel risvolto investigativo che alla fine è quello che ho apprezzato di più. La prima parte del libro è ricca di descrizioni e si percepisce un’atmosfera fatta di tranquillità e di attesa che si infrangerà nel momento dell’incontro tra Carol ed il suo passato. Non vi nascondo che queste prime pagine non mi hanno particolarmente rapita: ho iniziato ad apprezzare questa lettura solo nel momento in cui il mistero si è infittito e la povera Carol è stata trovata uccisa.

L’indagine sulla sua morte è stata scritta e costruita in maniera egregia e mi ha appassionata molto, tenendomi incollata alle pagine fino alla fine.

Un libro scritto bene che vi darà l’occasione di immergervi in una Lisbona magica e “sfavillante”.

Ringrazio la SEM (Società editrice milanese) per avermelo inviato dandomi così la possibilità di leggerlo!


Clicca qui per acquistare il libro.

Giovanni Valentini, giornalista e scrittore, è autore di diversi saggi politici, economici e sociali. Ha lavorato per quarant’anni tra il quotidiano “La Repubblica” (di cui è stato vicedirettore) e il settimanale “L’Espresso” (che ha diretto dal 1984 al 1991). Oggi collabora al “Fatto Quotidiano”, con la sua rubrica “Il Sabato del Villaggio”. Questo romanzo, ambientato tra Lisbo9na e Lecce, è il suo esordio narrativo.

 


Recensione - "Una vi

"I mostri sono brutti, e i brutti sono anche cattivi. ...

Recensione - "Stronz

"La verità è che stronza o lo sei o non ...

Recensione - "L'ulti

  "Era stanco. Anche se non lo voleva, la sua rabbia ...

Recensione - "I diar

"Ma tu vuoi o non vuoi diventare qualcuno?" Papà, ma io ...

Recensione - "Ultima

  "La vita comincia a finire prima che uno se l'aspetti ...

Recensione - "Il nos

"Quando fece uscire i soldati dalla stanza il prigioniero era ...

Recensione - "Radiom

  Ho letto questo libro per caso, in preda ad un ...

Recensione - "Pelle

"Non ci sono finzioni o abbellimenti in questi racconti: ci ...

Recensione - "Bugie"

"Che cosa ho appena ammesso? Perché non mi credono? Che ...

Recensione - "Noi co

"Ecco chi è Riccardo. Un bambino amato, non solo per ...

Recensione - "Una vi

"I mostri sono brutti, e i brutti sono anche cattivi. ...

Recensione - "Stronz

"La verità è che stronza o lo sei o non ...

Recensione - "L'ulti

  "Era stanco. Anche se non lo voleva, la sua rabbia ...

Recensione - "I diar

"Ma tu vuoi o non vuoi diventare qualcuno?" Papà, ma io ...

Recensione - "Ultima

  "La vita comincia a finire prima che uno se l'aspetti ...

Recensione - "Il nos

"Quando fece uscire i soldati dalla stanza il prigioniero era ...

Recensione - "Radiom

  Ho letto questo libro per caso, in preda ad un ...

Recensione - "Pelle

"Non ci sono finzioni o abbellimenti in questi racconti: ci ...

Recensione - "Bugie"

"Che cosa ho appena ammesso? Perché non mi credono? Che ...

Recensione - "Noi co

"Ecco chi è Riccardo. Un bambino amato, non solo per ...