Giulia Mazzoni

"Pensando al mio futuro mi sono chiesta:
cosa voglio fare nella vita?
La risposta è stata una: scrivere.
Ma da dove si comincia?
M'hanno detto di fare un blog!"

Recensione – “Stronze si nasce” di Felicia Kingsley

Banner Blog Party

“La verità è che stronza o lo sei o non ci diventi”.

 

Leggere un libro senza sentire il numero delle pagine, svuotare la mente e divertirsi.

E poi, alla fine, emozionarsi.

È questo che mi è successo leggendo “Stronze si nasce”, l’ultimo libro della bravissima Felicia Kingsley.

Un romanzo che per me è stato come una boccata d’aria fresca, una lettura di cui avevo bisogno, soprattutto in questo periodo frenetico.

La storia è quella di Allegra Hill, una ragazza in gamba, altruista e con la testa sulle spalle. Ha una famiglia bellissima, un’amica fedele, Dots, e un debole per gli animali “rotti”, quelli abbandonati al canile che non vuole nessuno, perché troppo vecchi o con troppi problemi di salute.

Assieme a Dots, Allegra condivide uno status sociale che si porta dietro fin dalle scuole superiori: il ruolo di eterna seconda. La sua vita, infatti, è sempre stata rovinata dalla sua personale Stronza (con la S maiuscola), Sparkle Jones, la più bella della scuola che, in un modo o nell’altro, anche inconsapevolmente, le ha sempre messo i bastoni fra le ruote.

Ma ora, a 26 anni, Allegra è cresciuta e si è costruita una vita, lontana da quel passato fatto di insicurezze.

Ha una bellissima casa tutta sua, vive da sola con Mr Darcy (un altro gatto “rotto”), e sta per iniziare il suo lavoro nell’agenzia immobiliare più prestigiosa di Londra.

Ma il primo giorno alla Royals & Lloyds, Allegra riconosce una voce familiare: è proprio quella di Sparkle, che ormai è diventata una donna in carriera osannata da tutto l’ufficio.

Dopo tanti anni insomma, lo scenario sembra ancora quello del liceo.

Ma le cose peggiorano quando l’assistente di Sparkle viene mandata via e ad Allegra viene ordinato di prendere il suo posto. Gli incubi dalla nostra protagonista però non si avverano: la Stronza, infatti, non sembra poi così male. È premurosa, interessata a conoscere tutto della sua nuova assistente e soprattutto, vuole diventare la sua migliore amica.

Per la prima volta in vita sua Allegra scopre cosa vuol dire stare al primo posto della scala sociale, dove tutti ti ammirano e ti offrono la cena.

La timida ragazza di una volta comincia piano piano a prendere sicurezza e si rende conto di non passare più inosservata. E dopo l’incontro con un misterioso uomo dagli occhi verdi smeraldo tutto prenderà una piega migliore.

O forse no?

In una Londra fatta di feste ed intrighi, Allegra riuscirà a compiere dentro di sé un’evoluzione che la porterà a sradicare molte sue convinzioni e a capire dove sta davvero la felicità, godendosi però per un attimo l’ebbrezza di essere lei, per una volta, la Stronza numero uno.

Un romanzo godibilissimo, fresco e leggero ma ricco di emozioni da vivere.

Ho adorato le atmosfere e i movimenti interiori dei personaggi che la Kingsley ha saputo narrare con estrema bravura. E mi sono innamorata di uno dei protagonisti… ma ovviamente non vi dico di chi! 😉

Ringrazio la Newton Compton per avermi dato la possibilità di leggere questo libro in anteprima, regalandomi così una magia in più.

E complimenti alla scrittrice che, ancora una volta, ha fatto centro!

 


Felicia Kingsley è nata nel 1987, vive in provincia di Modena e lavora come architetto. Coltiva la passione della scrittura dall’età di dodici anni, va dove la fantasia la porta e non è raro che si perda nei suoi pensieri e nelle sue storie mentre qualcuno le sta parlando. Matrimonio di convenienza, inizialmente autopubblicato, ha riscosso grande successo in libreria ed è diventato il secondo ebook più letto del 2017. Stronze si nasce è il suo, attesissimo, secondo romanzo. Per saperne di più, visita la sua pagina Facebook.

 

4 Risposte

  1. Kito scrive:

    Sono un lettore accanito, sempre in cerca di qualche buon titolo.
    Incuriosito dalla recensione e avuta per caso l’indicazione dell’offerta a 0,99€ sempre grazie a Giulia, ho comprato il libro.
    Ho appena iniziato e sembra carino.

    Grazie della segnalazione!

  2. Kito scrive:

    Ho finito il libro durante il week end: mi è piaciuto.
    Non conoscevo l’autrice, è stata una piacevole scoperta; ho apprezzato in particolare il modo fresco e leggero della sua scrittura.
    Divertente e leggero, libro consigliato per svagare e sorridere.


Recensione - "Il vam

"La vita della carne è nel sangue. Nessuno di voi ...

Segnalazione - "Perf

Titolo: Perfetta ma non per lui Autore: Gina Laddaga Editore: self-publishing Genere: contemporary romance Prezzo: ...

Recensione - "L'uomo

"Ogni paura si può evitare e da ogni paura si ...

Recensione "La trecc

"Amo queste ore solitarie, in cui le mie mani danzano. È ...

Recensione - "Io son

"Colpevolizzare la vittima è un modo per nascondersi e autoilludersi. ...

Recensione - "Fidanz

"Attraversare gli specchi significa affrontare se stessi - aveva detto ...

Recensione - "I figl

"Si guardò intorno. All'improvviso tutto taceva, anche il fiume. Era ...

Recensione "Quando f

"Dedicarsi alla Bottega, tra violini che prendevano forma davanti ai ...

Recensione - "Petrad

"Fu in quel momento che una voce dentro la testa ...

"Tempo di Libri": te

"Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di ...

Recensione - "Il vam

"La vita della carne è nel sangue. Nessuno di voi ...

Segnalazione - "Perf

Titolo: Perfetta ma non per lui Autore: Gina Laddaga Editore: self-publishing Genere: contemporary romance Prezzo: ...

Recensione - "L'uomo

"Ogni paura si può evitare e da ogni paura si ...

Recensione "La trecc

"Amo queste ore solitarie, in cui le mie mani danzano. È ...

Recensione - "Io son

"Colpevolizzare la vittima è un modo per nascondersi e autoilludersi. ...

Recensione - "Fidanz

"Attraversare gli specchi significa affrontare se stessi - aveva detto ...

Recensione - "I figl

"Si guardò intorno. All'improvviso tutto taceva, anche il fiume. Era ...

Recensione "Quando f

"Dedicarsi alla Bottega, tra violini che prendevano forma davanti ai ...

Recensione - "Petrad

"Fu in quel momento che una voce dentro la testa ...

"Tempo di Libri": te

"Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di ...