Giulia Mazzoni

"Pensando al mio futuro mi sono chiesta:
cosa voglio fare nella vita?
La risposta è stata una: scrivere.
Ma da dove si comincia?
M'hanno detto di fare un blog!"

#IlRaccontoDelWeekend – La sofferenza invisibile

m'hanno detto di fare un blog

 

Silvia era paralizzata, le mani sudate appoggiate al banco.

Le parole che sentiva alle sue spalle le infilzavano la schiena.

“La giraffa al compleanno non la invitare, sennò ti tocca alzare le porte”

Un boato di risate la colpì come un’arma nucleare.

Dentro di lei sentiva sciogliersi qualcosa di freddo e denso, come se una colpa viscida si stesse allargando nel suo stomaco.

Quella sensazione si ripeteva ogni volta che entrava in quella scuola, ogni volta che le risate e gli sguardi la accompagnavano alla sua sedia. Per questo cercava di limitare al minimo i suoi movimenti: meno si sarebbe fatta notare e meno avrebbe sofferto.

La Prof entrò in aula e aprì il registro.

“Mariotti, vieni alla lavagna”.

Bingo.

Le interrogazioni erano le peggiori, soprattutto quelle di matematica.

Lei, la giraffa, in piedi davanti alle iene. Uno scontro perso in partenza.

La Prof le dettò un’equazione da svolgere. Fortuna che la matematica era il suo forte.

Scrisse velocemente i numeri e le incognite, cercando di concentrarsi solo ed esclusivamente sulla lavagna. Prima l’interrogazione sarebbe finita, prima sarebbe potuta tornare invisibile.

“Giraffa, che hai? Un razzo in culo?”

Il boato di risate la travolse di nuovo.

“Bini, modera il linguaggio! Vuoi andare dal preside subito?” – chiese la Prof.

Gli sghignazzi diminuirono.

“Mariotti, continua”

Silvia fissava il gessetto nella mano destra.

Qualcosa nella sua testa le impediva di muoversi.

Si sentiva come in un campo di mine antiuomo: qualunque mossa avesse fatto, sicuramente sarebbe stata quella sbagliata.

“Mariotti, forza” – la incitò la Prof.

Ma lei sentì solo pugnalate.

Guarda com’è stupida – Sembra impagliata – Dai giraffa, ripigliati

Improvvisamente si risvegliò.

Posò il gessetto e, a testa bassa, tornò a sedersi.

“Mariotti ma che fai? Torna subito alla lavagna”

Di sottofondo le risate si alternavano alle gomitate.

Questa è proprio scemaÈ una ritardata mentale.

Silvia rimase immobile, le mani incastrate nelle gambe accavallate, la schiena curva sul libro aperto.

Lasciatemi in pace – Scordatevi che esisto, bisbigliava tra sé.

Avrebbe dato qualsiasi cosa per sparire dal mondo e non tornare mai più.


Recensione - "Il vam

"La vita della carne è nel sangue. Nessuno di voi ...

Segnalazione - "Perf

Titolo: Perfetta ma non per lui Autore: Gina Laddaga Editore: self-publishing Genere: contemporary romance Prezzo: ...

Recensione - "L'uomo

"Ogni paura si può evitare e da ogni paura si ...

Recensione "La trecc

"Amo queste ore solitarie, in cui le mie mani danzano. È ...

Recensione - "Io son

"Colpevolizzare la vittima è un modo per nascondersi e autoilludersi. ...

Recensione - "Fidanz

"Attraversare gli specchi significa affrontare se stessi - aveva detto ...

Recensione - "I figl

"Si guardò intorno. All'improvviso tutto taceva, anche il fiume. Era ...

Recensione "Quando f

"Dedicarsi alla Bottega, tra violini che prendevano forma davanti ai ...

Recensione - "Petrad

"Fu in quel momento che una voce dentro la testa ...

"Tempo di Libri": te

"Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di ...

Recensione - "Il vam

"La vita della carne è nel sangue. Nessuno di voi ...

Segnalazione - "Perf

Titolo: Perfetta ma non per lui Autore: Gina Laddaga Editore: self-publishing Genere: contemporary romance Prezzo: ...

Recensione - "L'uomo

"Ogni paura si può evitare e da ogni paura si ...

Recensione "La trecc

"Amo queste ore solitarie, in cui le mie mani danzano. È ...

Recensione - "Io son

"Colpevolizzare la vittima è un modo per nascondersi e autoilludersi. ...

Recensione - "Fidanz

"Attraversare gli specchi significa affrontare se stessi - aveva detto ...

Recensione - "I figl

"Si guardò intorno. All'improvviso tutto taceva, anche il fiume. Era ...

Recensione "Quando f

"Dedicarsi alla Bottega, tra violini che prendevano forma davanti ai ...

Recensione - "Petrad

"Fu in quel momento che una voce dentro la testa ...

"Tempo di Libri": te

"Ho sempre immaginato che il Paradiso fosse una sorta di ...